top of page

La menopausa può comportare un aumento dei livelli di colesterolo e altri rischi cardiaci.

Ecco perché e cosa fare al riguardo per trovare benessere




La menopausa è un processo biologico naturale che segna la fine degli anni riproduttivi di una donna, in genere tra i 45 e i 55 anni. Quando le donne si avvicinano o sperimentano la menopausa,  c'è un "cambiamento di vita" che includono vampate di calore, sudorazione, sbalzi d'umore e affaticamento. Ma molte donne potrebbero non essere consapevoli degli  effetti a lungo termine della menopausa sul cuore e sui vasi sanguigni che compongono il sistema cardiovascolare. Le malattie cardiache rappresentano  il 35% dei decessi  annuali tra le donne, più di tutti i tumori messi insieme.


Cosa dovrebbero sapere le donne su questi rischi?


Gli ormoni proteggono il cuore, ma poi non lo fanno più


Già nel 1976, molti studi scientifici riportavano più del doppio del tasso di eventi cardiovascolari nelle donne in postmenopausa rispetto alle donne in pre-menopausa della stessa età. Anche la menopausa precoce (prima dei 40 anni)  aumenta il rischio cardiaco.

Prima della menopausa, le donne tendono ad essere protette dai loro ormoni circolanti: estrogeni, in misura minore progesterone e bassi livelli di testosterone.

Questi ormoni sessuali aiutano a rilassare e dilatare i vasi sanguigni, ridurre l’infiammazione e  migliorare i livelli di lipidi (colesterolo). A partire dalla metà dei 40 anni, un calo di questi livelli ormonali può  contribuire a cambiamenti sfavorevoli nei livelli di colesterolo, pressione sanguigna e aumento di peso – tutti fattori di rischio per le malattie cardiache.

4 modi in cui i cambiamenti ormonali incidono sul rischio cardiaco


1. Dislipidemia – La menopausa spesso comporta  cambiamenti aterogenici  – uno squilibrio malsano dei grassi nel sangue, con livelli più elevati di colesterolo totale, trigliceridi e lipoproteine ​​​​a bassa densità (LDL), soprannominato il colesterolo “cattivo”. Ci sono anche livelli ridotti di lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), il colesterolo “buono” che aiuta a rimuovere l’LDL dal sangue. Questi cambiamenti sono un  importante fattore di rischio per infarto o ictus.


2. Ipertensione  – Il calo dei livelli di estrogeni e progesterone durante la menopausa contribuisce al restringimento dei grandi vasi sanguigni sulla superficie del cuore, alla rigidità arteriosa e all'aumento della pressione sanguigna.


3. Aumento di peso  – Le femmine nascono con da uno a due milioni di ovuli, che si sviluppano nei follicoli. Quando  smettono di ovulare, ne rimangono meno di 1.000. Questo impoverimento modifica progressivamente la distribuzione e l'immagazzinamento del grasso, dai fianchi alla vita e all'addome. È stato segnalato che l’aumento della circonferenza della vita (maggiore di 80-88 cm)  contribuisce al rischio cardiaco, sebbene non sia l’unico fattore da considerare.


4. Comorbidità  – I cambiamenti nella composizione corporea, il declino degli ormoni sessuali, l'aumento del consumo di cibo, l'aumento di peso e lo stile di vita sedentario compromettono la capacità dell'organismo di utilizzare efficacemente l'insulina. Ciò  aumenta il rischio di sviluppare sindromi metaboliche come il diabete di tipo 2.

Sebbene i fattori di rischio si applichino a entrambi i sessi, l’ipertensione, il fumo, l’obesità e il diabete di tipo 2 conferiscono un rischio relativo maggiore di malattie cardiache nelle donne.


Allora, cosa possono fare le donne?


Ogni donna ha un diverso livello di rischio cardiovascolare e metabolico di base pre-menopausa. Questo si basa sulla loro genetica, storia familiare, dieta e stile di vita. Ma tutte le donne possono  ridurre il rischio cardiaco post-menopausa con:

  • esercizio regolare di intensità moderata come camminare a ritmo sostenuto, andare in bicicletta o acquagym per 30 minuti, quattro o cinque volte a settimana,

  • una dieta sana per il cuore con porzioni più piccole (prova a utilizzare un piatto o una ciotola più piccoli) e cibi ipocalorici e ricchi di sostanze nutritive come verdura, frutta e cereali integrali,

  • steroli vegetali (olio vegetale non raffinato, noci, semi e cereali) ogni giorno. Una revisione di 14 studi clinici ha rilevato che gli steroli vegetali, a dosi di almeno 2 grammi al giorno, hanno prodotto una riduzione media del siero LDL (colesterolo cattivo) di circa il 9-14%. Ciò potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiache del  25% in due anni,

  • meno grassi nocivi (saturi o trans) e più fonti proteiche a basso contenuto di grassi (carne magra, pollame, pesce, in particolare pesce azzurro ricco di acidi grassi omega-3), legumi e latticini a basso contenuto di grassi,

  • alimenti meno ipercalorici e ricchi di sodio come alimenti trasformati o fast food,

  • una riduzione o eliminazione del fumo e dell'alcol,

  • gestione o prevenzione dell’aumento di peso.



Pertanto, ogni donna che si avvicina alla menopausa dovrebbe chiedere al proprio medico di famiglia un controllo della salute cardiaca per comprendere meglio il rischio di infarto o ictus e ottenere strategie personalizzate per ridurlo.


Se ti è piace questo articolo lascia un like...




27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page